Consultazione

(+373 22)58-23-79tel.
23-88-55fax
Mon—Fri9001800
Saturday9001300

L’impianto dentale

Un impianto dentale rappresenta una radice dentale artificiale, è utilizzato in odontoiatria per mantenere i denti restaurati.

Praticamente, tutti gli impianti dentali utilizzati al giorno d'oggi sono impianti endossei ("end" - nella "ossea" - ossa) con la forma di una radice. In altre parole, quasi tutti gli impianti dentali utilizzati nel 21 secolo, si presenta come una radice del dente reale e vengono inseriti direttamente nell'osso.

Prima dell’apparizione degli impianti endossei avendo la forma della radice, si utilizzava, in gran parte, impianti endossei sotto forma di lama, cioè la forma del pezzo di metallo inserito direttamente nell'osso assomigliava con una lama piatta, o impianti sottoperiostei, dove è costruita una carcassa e collegata con bulloni all'osso della mascella.

Gli impianti dentali possono essere utilizzati per mantenere una serie di protesi dentali, compreso corone, ponti o protesi.

Dental implant Dental implant


Le procedure di base

Di solito, il posizionamento di un impianto richiede la preparazione dell’osso utilizzando frese speciali o osteotomi a velocità regolare per evitare il surriscaldamento o la necrosi di pressione dell'osso. Dopo un certo tempo, che permette l'osso di crescere sulla superficie dell'impianto, può essere inserito uno o più denti. Il tempo necessario per inserire un impianto varierà a seconda dell'esperienza del medico, della qualità e la quantità di osso e dalla difficoltà dello stato dell'individuo.

Quando viene inserito un impianto, si posiziona un abatement di ripristino che passa attraverso la mucosa o un "bullone coperto ", che si trova allo stesso livello della superficie dell'impianto dentale. Quando si mettere un bullone, la mucosa copre l’impianto, mentre quello s’integra; qui conclude il secondo intervento chirurgico per collocare l’abatement di ripristino.

La chirurgia a due fasi viene scelta quando in parallelo viene collocato un innesto osseo o quando gli interventi chirurgici sulla mucosa sono sollecitati per motivi estetici. Alcuni impianti sono in un unico pezzo, in questo modo l’abatement di ripristino non è necessario.

In casi particolari, ai pazienti si fa l'impianto e il restauro in un unico intervento chirurgico, una procedura chiamata "carico immediato". In tali casi, un dente protesico provvisorio o la corona dentale è modellata per evitare l'intensità del morso verso l'impianto quando questo si integra con l'osso.


Il successo dell'impianto dentale è legato alle qualifiche del medico, alla qualità e quantità di osso disponibile su un lato, e l'igiene della cavità orale del paziente. Il consenso generale di opinione è che il tasso di successo degli impianti è di circa il 95%!